#venezia

Posts tagged on #venezia

Top Posts Recent Posts

Top Posts

It´s time to explore Venice - @venice_traveler
.
.
.
.
.
.
.
.
.
What about this aerial view? 😍
🔸🔸🔸🔸🔸🔸🔸🔸🔸🔸
Do you like it? 😉
🔸🔸🔸🔸🔸🔸🔸🔸🔸🔸
Pic by @knwilati
🔸🔸🔸🔸🔸🔸🔸🔸🔸🔸
Keep using  for a chance to be featured 😉
#Italya #Italy_photolovers #Italytrip #italytravel #italytour #italia365 #gf_italy #visititalia #loves_italia #venezia #venise #ig_venice #veniceitaly #igersvenice #instavenice#venicecanals #veneziadavivere #veneziaunica #veneziagram#ig_venezia #igersvenezia #venicebackpack.

It´s time to explore Venice - @venice_traveler . . . . . . . . . What about this aerial view? 😍 🔸🔸🔸🔸🔸🔸🔸🔸🔸🔸 Do you like it? 😉 🔸🔸🔸🔸🔸🔸🔸🔸🔸🔸 Pic by @knwilati 🔸🔸🔸🔸🔸🔸🔸🔸🔸🔸 Keep using for a chance to be featured 😉 #Italya #Italy_photolovers #Italytrip #italytravel #italytour #italia365 #gf_italy #visititalia #loves_italia #venezia #venise #ig_venice #veniceitaly #igersvenice #instavenice #venicecanals #veneziadavivere #veneziaunica #veneziagram #ig_venezia #igersvenezia #venicebackpack ...

Explore the most beautiful places in Venice ▶️ @best_venice_photos .
.
.
.
.
.
.
Canals of Venice ❤ Stop wasting money on your hotels bookings in Venice by not using UnlimitedVenice.com⭐ Up to 80% discount ☺ Direct link in bio 🔝
.
Congratulations to @nodestinations ⭐⭐⭐
.
Use  for your best photos of

#Italya #Italy_photolovers #Italytrip #italytravel #italytour #italia365 #gf_italy #visititalia #loves_italia #venezia #venise #ig_venice #veniceitaly #igersvenice #instavenice#venicecanals #veneziadavivere #veneziaunica #veneziagram#ig_venezia #igersvenezia #veneziacityofficial.

Explore the most beautiful places in Venice ▶️ @best_venice_photos . . . . . . . Canals of Venice ❤ Stop wasting money on your hotels bookings in Venice by not using UnlimitedVenice.com⭐ Up to 80% discount ☺ Direct link in bio 🔝 . Congratulations to @nodestinations ⭐⭐⭐ . Use for your best photos of #Italya #Italy_photolovers #Italytrip #italytravel #italytour #italia365 #gf_italy #visititalia #loves_italia #venezia #venise #ig_venice #veniceitaly #igersvenice #instavenice #venicecanals #veneziadavivere #veneziaunica #veneziagram #ig_venezia #igersvenezia #veneziacityofficial ...

📷 @larita.sarta
📍#Venezia
⠀
I tre palazzi che compongono l'albergo risalgono al 14°, 19° e 20° secolo: Palazzo Dandolo in stile gotico veneziano, un tempo dimora della nobile famiglia Dandolo; Palazzo Casa Nuova, in precedenza tesoro della città; e Palazzo Danieli Excelsior, ridisegnato da Jacques Garcia, e dotato di camere con balconi che si affacciano sulla laguna sui suoi piani superiori.
L'intreccio di questi tre palazzi ospita una ricca collezione di arte e di antiquariato prezioso rimangono a testimonianza della storia dell'hotel e della città. Abilmente combinati con comfort moderni, per soddisfare le esigenze e le aspettative dei sofisticati e colti viaggiatori del mondo.
I Committenti furono i Dandolo, nobile famiglia veneziana che vantava ben quattro Dogi nel suo albero genealogico. All'epoca il palazzo emerse dalle cronache come uno tra i più sfarzosi e riccamente decorati palazzi della città, sede di un'intensa vita mondana.
Nel 1822 Giuseppe Dal Niel, soprannominato

📷 @larita.sarta 📍#Venezia ⠀ I tre palazzi che compongono l'albergo risalgono al 14°, 19° e 20° secolo: Palazzo Dandolo in stile gotico veneziano, un tempo dimora della nobile famiglia Dandolo; Palazzo Casa Nuova, in precedenza tesoro della città; e Palazzo Danieli Excelsior, ridisegnato da Jacques Garcia, e dotato di camere con balconi che si affacciano sulla laguna sui suoi piani superiori. L'intreccio di questi tre palazzi ospita una ricca collezione di arte e di antiquariato prezioso rimangono a testimonianza della storia dell'hotel e della città. Abilmente combinati con comfort moderni, per soddisfare le esigenze e le aspettative dei sofisticati e colti viaggiatori del mondo. I Committenti furono i Dandolo, nobile famiglia veneziana che vantava ben quattro Dogi nel suo albero genealogico. All'epoca il palazzo emerse dalle cronache come uno tra i più sfarzosi e riccamente decorati palazzi della città, sede di un'intensa vita mondana. Nel 1822 Giuseppe Dal Niel, soprannominato "Danieli", prese in affitto il secondo piano del Palazzo Dandolo, trasformandolo in hotel. Luogo straordinario di incontri e centro cosmopolita, venne sottoposto ad un accurato e radicale restauro. Nel 1895 l'hotel cambia nuovamente proprietario e subisce un nuovo restauro. Il palazzo adiacente a Palazzo Dandolo viene inoltre annesso all'hotel e collegato tramite uno stupendo ponte sospeso tra i due piani. Il 17 marzo del 1906 la Compagnia Italiana Grandi Alberghi entra in possesso dell'Hotel Royal Danieli. I lavori di restauro vengono curati dal noto architetto Francesco Marsich. Tra i 1946 ed il 1948 ha luogo l'ultimo intervento strutturale che porterà l'Hotel Danieli all'attuale assetto. ⠀ 👍 Segui tutte le storie nella nostra pagina Facebook 📝 #ig_italia #italia #ig_italia_borghiecitta #italy ...

📷 @rastelling
📍 #Venezia
⠀
L’origine latina del nome dell'isola di Venezia (Venetiae) lascia intendere che la città venisse concepita come un insieme di isolette vicine tra loro.
Queste 118 isole sono state nel tempo collegate tra loro da più di 400 ponti e la loro urbanizzazione è stata resa possibile grazie ad un consolidamento su circa 100.000 palaffitte e ad una copertura lapidea. Su ognuna di esse, è stata poi eretta una chiesa.

Anticamente la città di Venezia è stata suddivisa in sei macro aree, chiamate

📷 @rastelling 📍 #Venezia ⠀ L’origine latina del nome dell'isola di Venezia (Venetiae) lascia intendere che la città venisse concepita come un insieme di isolette vicine tra loro. Queste 118 isole sono state nel tempo collegate tra loro da più di 400 ponti e la loro urbanizzazione è stata resa possibile grazie ad un consolidamento su circa 100.000 palaffitte e ad una copertura lapidea. Su ognuna di esse, è stata poi eretta una chiesa. Anticamente la città di Venezia è stata suddivisa in sei macro aree, chiamate "sestieri": Dorsoduro, Santa Croce, San Polo, San Marco, Cannaregio e Castello. I sestieri di Venezia si articolano intorno al Canal Grande, il canale principale della città a cui si collegano 150 canali minori (detti "rii"). Tra le isole maggiori che contornano il centro storico di Venezia, si ricordano Murano famosa per il vetro, Burano conosciuta per i merletti e la particolarità delle sue case colorate, Torcello con la sua Basilica, centro archeologico e primo insediamento della laguna e il Lido di Venezia con i suoi stabilimenti balneari, famoso per la mostra del cinema. Le prime tre isole, cioè Murano, Burano e Torcello sono raggiungibili seguendo lo stesso tragitto: potete trovare tutte le informazioni su come visitarle alla pagina "come arrivare a Burano". Venezia viene fondata nel V secolo d.C. dagli abitanti di Aquileia scappati dalle invasioni barbariche. La fama di quest'isola cresce durante la sottomissione a Bisanzio, al punto che nel 697 viene istituito addirittura un funzionario, il Doge, figura che diventerà in seguito il capo della Repubblica Serenissima. L'isola conosce infatti l'indipendenza e l'autonomia politica come capitale della Serenissima Repubblica nel 1420, dopo un susseguirsi di dominazioni gote, bizzantine e longobarde, cambiando il proprio nome da Rialto a Venezia. Da questo momento Venezia è destinata a diventare la più celebre tra le quattro Repubbliche Marinare. 👍 Segui tutte le storie nella nostra pagina Facebook 📝 #ig_italia #italia #instagramitalia #ig_italia_borghiecitta #italy ...

Ik zweer is laatste vakantie foto🤞🏼
.
#Wollah #PiazzaSanMarco #Venezia #StMarksSquare #Venice #Italia #Italy.

Ik zweer is laatste vakantie foto🤞🏼 . #Wollah #PiazzaSanMarco #Venezia #StMarksSquare #Venice #Italia #Italy ...

📷 @depietrijojo
📍 #Venezia
⠀
Piazza San Marco a Venezia è forse una delle piazze più belle del mondo.
Dai tempi della fondazione della città di Venezia è il teatro dei grandi avvenimenti e il luogo in cui si celebrano le feste ed i momenti più importanti per i veneziani.
E’ l’unica piazza di Venezia, perché nel resto della città si trovano solo campielli e calli, e conserva tracce di una storia millenaria.
Se provate però a guardare Piazza San Marco da un punto di vista diverso scoprirete alcuni dettagli curiosi.
In Piazza San Marco, proprio davanti alla Basilica, si trovano tre pili portabandiera cui di solito nessuno presta attenzione, ma che sono sempre stati lì e dipinti innumerevoli volte da tutti gli artisti che ci hanno fornito un’immagine della piazza.
Sulle tre aste ora sventolano le bandiere di Venezia, dell’Italia e dell’Europa, ma in realtà essi rappresentano i tre simboli dei regni conquistati dalla Repubblica Serenissima: Cipro, Candia (l’attuale Creta) e la Morea (il Peloponneso dei giorni nostri).
Venezia è stata per secoli una città dal grande potere politico, che utilizzava per i suoi traffici commerciali su tutto il mediterraneo. Le principali conquiste di Venezia venivano celebrate in Piazza San Marco e furono:
Cipro fu un territorio di Venezia dal 1489 al 1571, grazie al matrimonio tra Caterina Cornaro e Giacomo II di Lusignano re di Cipro; Candia era il nome della principale città dell’isola di Creta, che fu la principale colonia veneziana nel Mediterraneo per oltre 3 secoli (dal 1204 al 1648); La Morea fu un territorio posto sotto la dominazione veneziana dal 1685 al 1715, quando i Turchi riconquistarono il territorio.
Durante il periodo napoleonico i pili portabandiera di Piazza San Marco stavano per essere abbattuti, ma dopo lunghe discussioni si decise di lasciarli al loro posto e trasformarli nei simboli della Libertà, della Virtù e dell’Uguaglianza.
In Piazza San Marco, guardando verso l’Isola di san Giorgio, si trovano due colonne altissime, che hanno sulla sommità due statue rappresentanti il leone di San Marco e San Teodoro.
⠀ 📝 #ig_italia #italia #ig_italia_borghiecitta #italy.

📷 @depietrijojo 📍 #Venezia ⠀ Piazza San Marco a Venezia è forse una delle piazze più belle del mondo. Dai tempi della fondazione della città di Venezia è il teatro dei grandi avvenimenti e il luogo in cui si celebrano le feste ed i momenti più importanti per i veneziani. E’ l’unica piazza di Venezia, perché nel resto della città si trovano solo campielli e calli, e conserva tracce di una storia millenaria. Se provate però a guardare Piazza San Marco da un punto di vista diverso scoprirete alcuni dettagli curiosi. In Piazza San Marco, proprio davanti alla Basilica, si trovano tre pili portabandiera cui di solito nessuno presta attenzione, ma che sono sempre stati lì e dipinti innumerevoli volte da tutti gli artisti che ci hanno fornito un’immagine della piazza. Sulle tre aste ora sventolano le bandiere di Venezia, dell’Italia e dell’Europa, ma in realtà essi rappresentano i tre simboli dei regni conquistati dalla Repubblica Serenissima: Cipro, Candia (l’attuale Creta) e la Morea (il Peloponneso dei giorni nostri). Venezia è stata per secoli una città dal grande potere politico, che utilizzava per i suoi traffici commerciali su tutto il mediterraneo. Le principali conquiste di Venezia venivano celebrate in Piazza San Marco e furono:
Cipro fu un territorio di Venezia dal 1489 al 1571, grazie al matrimonio tra Caterina Cornaro e Giacomo II di Lusignano re di Cipro; Candia era il nome della principale città dell’isola di Creta, che fu la principale colonia veneziana nel Mediterraneo per oltre 3 secoli (dal 1204 al 1648); La Morea fu un territorio posto sotto la dominazione veneziana dal 1685 al 1715, quando i Turchi riconquistarono il territorio. Durante il periodo napoleonico i pili portabandiera di Piazza San Marco stavano per essere abbattuti, ma dopo lunghe discussioni si decise di lasciarli al loro posto e trasformarli nei simboli della Libertà, della Virtù e dell’Uguaglianza. In Piazza San Marco, guardando verso l’Isola di san Giorgio, si trovano due colonne altissime, che hanno sulla sommità due statue rappresentanti il leone di San Marco e San Teodoro. ⠀ 📝 #ig_italia #italia #ig_italia_borghiecitta #italy ...